Il Pistacchio

Frutta secca alla base di una dieta sana ed equilibrata.

Uno studio della Pennsylvania State University pubblicato a giugno su Hypertension, una rivista dell’American Heart Association, rivela che l’inclusione di pistacchi in una dieta sana ed equilibrata può ridurre positivamente la risposta dell’organismo agli stress della vita quotidiana.

In uno studio clinico su un gruppo di adulti con elevati valori di colesterolo sono state messe a confronto diete contenenti pistacchi e una dieta a basso contenuto di grassi.

I risultati mostrano che una dieta sana ed equilibrata integrata con pistacchi contribuiscono a ridurre la pressione sanguigna sistolica, la resistenza vascolare periferica e la frequenza cardiaca nel corso di episodi di stress acuto.

Le risposte cardiovascolari sono state misurate mentre i partecipanti erano impegnati in un difficile test di aritmetica mentale e di nuovo mentre immergevano i piedi in acqua fredda.

Lo studio condotto nella Pennsylvania State University dai dottori Sheila G. West e Penny M. Kris-Etherton e colleghi hanno esaminato il modo in cui diete contenenti pistacchi (42 g e 85 g) vs. una dieta a basso contenuto di grassi senza pistacchi, influenzano le risposte allo stress in soggetti con elevato colesterolo LDL ma pressione arteriosa normale.

Questo studio è il primo a mostrare che includere pistacchi sia salati sia non salati in una dieta sana, contribuisce a ridurre la pressione arteriosa e il carico vascolare sul cuore.

“Lo studio presenta diversi elementi d’interesse” pone l’accento Giorgio Donegani, esperto in nutrizione e educazione alimentare e Presidente di Food Education Italy.

“Conferma l’azione positiva dei pistacchi sulla regolazione della pressione sanguigna e, aspetto certamente innovativo, dimostra che questo effetto è efficace anche nel caso in cui si consumino pistacchi salati.

Inoltre sono molte le caratteristiche di composizione dei pistacchi che giustificano le loro proprietà: il buon contenuto di grassi “buoni” mono e polinsaturi, l’alta presenza di fibra, la quota significativa di antiossidanti e anche l’apporto di potassio e magnesio, capaci di bilanciare gli effetti del sodio”.

I partecipanti allo studio erano uomini e donne sani, non-fumatori, con colesterolo LDL (comunemente considerato colesterolo “cattivo”) elevato ma pressione arteriosa normale.

I pistacchi hanno sostituito altri alimenti nella dieta per impedire aumenti di peso.

I partecipanti hanno seguito tre diete diverse: una dieta low-fat (25% di grassi) senza pistacchi, e due diete con diversi livelli di pistacchi (circa 42 g o 10% di calorie dai pistacchi e 85 g o 20% di calorie dai pistacchi).

Le diete con pistacchi contenevano quantità più elevate di potassio, grassi “buoni” e proteine.

Tutte le diete erano ricche di frutta, verdura, carni magre e cereali integrali, in linea con le attuali raccomandazioni dietetiche. I dati demografici e il piano dietetico sono stati pubblicati in precedenza.

“Eventi quotidiani, quali lo stress da lavoro, una scadenza ravvicinata o dover parlare in pubblico fanno aumentare la pressione arteriosa, e sappiamo che è impossibile evitare tutti i fattori stress nella nostra vita.

Questi risultati sono espressivi perché mostrano che le risposte fisiologiche allo stress sono influenzate dagli alimenti che consumiamo”, ha affermato Sheila West Ph.D, Professore Associato di Salute Bio Comportamentale (BBH) e principale autrice dello studio.

West continua: “Questi cambiamenti nella pressione arteriosa si sono verificati anche se i livelli auto-riportati di umore, ansia e tensione erano invariati”.

Il maggiore calo di pressione, -4,8 mm Hg, è stato associato al consumo di 42 g di pistacchi al giorno, vs. un risultato di -1,8 mm Hg con la dieta low-fat e di -2,4 mm Hg per un consumo di 85 g di pistacchi al giorno.

La dieta contenente 85 g di pistacchi ha prodotto un calo significativo della resistenza vascolare periferica, una misura di rigidità arteriosa e frequenza cardiaca vs. la dieta di controllo. Metà dei pistacchi sono stati serviti salati come snack e l’altra metà, non salati, sono stati incorporati in ricette.

Dato interessante, anche se alte assunzioni di sodio sono tipicamente collegate con alta pressione arteriosa, il maggiore calo di pressione non è stato associato con la dieta a più basso contenuto di sodio.

I pistacchi contengono potassio (8% RDA) e magnesio (8% RDA) che sono importanti per mantenere una pressione equilibrata.

“Questi risultati sono molto incoraggianti, inoltre, perché dimostrano altri benefici dei pistacchi su un altro fattore di rischio di malattie cardiovascolari”, ha aggiunto Penny M. Kris-Etherton, Ph.D., R.D., Docente di Nutrizione e una delle principali ricercatrici nello studio.

Kris-Etherton aggiunge: “La nostra precedente ricerca suggerisce che l’inclusione di pistacchi in una dieta sana ed equilibrata riduce il colesterolo LDL e aumenta gli antiossidanti nel sangue”.

“Questa ricerca si aggiunge alla crescente mole di letteratura sui benefici dei pistacchi per la salute” ha aggiunto Constance J. Geiger, Ph.D., R.D., che lavora con l’incarico di consulente di ricerca nutrizionale presso American Pistacchio Growers. Geiger continua: “La frutta secca, come i pistacchi, è un elemento importante di una dieta sana ed equilibrata”.

Condividi Post:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 All rights reserved​

BEAUTY MELY

Made with ❤ with Elementor​